“Evoluzione del percorso normativo”

Per la prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti, il percorso normativo si è concluso e si è in attesa dell’operatività dell’Albo di categoria il 1° dicembre 2018. 

Tutti coloro che erano già operativi, hanno presentato o stanno presentando la domanda di iscrizione per l’iscrizione all’Albo entro tale data.

I nuovi soggetti che desiderano intraprendere questa professione possono presentare domanda dopo il 1° dicembre ed essere operativi dal momento di ricevimento dell’autorizzazione.

Qui di seguito tutti i documenti che hanno portato, nel corso degli anni, alla definizione dell’intera normativa:

15 NOVEMBRE 2018: Con delibera n. 20704 Consob ribadisce che, a partire dal 1° dicembre 2018, prende avvio l’operatività dell’Albo unico dei consulenti finanziari e dell’Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari.

DELIBERA CONSOB N. 20704

28 GIUGNO 2018: prot_Consob_OCF_20180628 AI SENSI DELL’ARTICOLO 1, COMMA 41, DELLA LEGGE 28 DICEMBRE 2015, N. 208 per le modalità operative e tempi del trasferimento delle funzioni dalla CONSOB all’OCF, adempimenti occorrenti per dare attuazione al nuovo assetto statutario e organizzativo e attività propedeutiche connesse all’iscrizione, con esonero dalla prova valutativa, delle persone fisiche consulenti finanziari autonomi e delle società di consulenza finanziaria.

PROTOCOLLO CONSOB_OCF 28.06.2018

20 FEBBRAIO 2018: in gazzetta ufficiale il nuovo Regolamento Intermediari, nel quale sono contenute le norme alle quali si devono attenere i consulenti finanziari autonomi e le società di consulenza finanziaria. Il libro XI Parte V è riferita all’Albo e attività dei Consulenti Finanziari.

DELIBERA CONSOB 15.02.2018

6 DICEMBRE 2017: il D.L. 148/2017 – Disposizioni urgenti in materia finanziaria (articolo 13, comma 1-ter), fissa la data di partenza dell’Albo dei consulenti finanziari al 31 ottobre 2018. “Al fine di assicurare lo svolgimento da parte della CONSOB dei compiti di cui al presente articolo, le delibere di cui al comma 3 dell’articolo 10 del decreto legislativo 3 agosto 2017, n. 129, sono adottate entro il 31 ottobre 2018. In ogni caso, le funzioni di cui all’articolo 1, comma 36, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, sono esercitate dall’Organismo di vigilanza e tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari, anche in assenza delle citate delibere, a decorrere dal 1º dicembre 2018”.

DATA PARTENZA ALBO

3 AGOSTO 2017OFFERTA FUORI SEDE. Art. 30-bis del TUF (Testo unico della finanza) Modalità di prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti da parte dei consulenti finanziari autonomi e delle società di consulenza finanziaria
1.  I consulenti finanziari autonomi, iscritti nell’albo di cui all’articolo 31, comma 4, possono promuovere e prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti anche in luogo diverso dal domicilio eletto. Le società di consulenza finanziaria, iscritte nell’albo di cui all’articolo 31, comma 4, possono promuovere e prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti anche in luogo diverso dalla sede legale mediante consulenti finanziari autonomi.

31 OTTOBRE 2016: termina la rilevazione dell’Organismo dei consulenti finanziari OCF (iniziata il 14 giugno), con circa 1500 operatori del settore che hanno manifestato la volontà di iscriversi alle nuove sezioni dell’Albo dedicate ai consulenti indipendenti (autonomi) e alle società di consulenza finanziaria (SCF).

Settembre 2017: documento contenente le osservazioni NAFOP alla consultazione CONSOB riguardante i consulenti finanziari e le società di consulenza.

OSSERVAZIONI NAFOP/CONSOB

Modifiche al libro VIII del Regolamento Intermediari in materia di Consulenti Finanziari.
CONSOB: documento per la consultazione 28 luglio 2017 (scadenza 30 settembre)

CONSULTAZIONE CONSOB 28/07/2017

Il 28 dicembre 2015 con la “legge n. 208 (Legge di Stabilità) si ufficializza l’istituzione dell’Albo Unico dei consulenti finanziari e dell’Organismo deputato alla sua vigilanza e tenuta.

Legge di Stabilità

Il 5 aprile 2012 Emanato il Decreto sui requisiti patrimoniali e di indipendenza delle società di consulenza finanziaria, nonché dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali delle società di consulenza finanziaria.

Decreto requisiti Società di Consulenza Finanziaria

Gennaio 2011: Trasmissione al Ministero dell’Economia del documento finale redatto dal gruppo di lavoro Associazioni/Consob.

Comunicato NAFOP gruppo di lavoro

Il 15 gennaio 2010 la Consob pubblica il Regolamento nel quale è disciplinata l’attività dei consulenti finanziari persone fisiche e giuridiche (“incompatibilità” all’art.13). Il documento era in consultazione da giugno 2008.

Regolamento Consob

Nel nuovo Testo unico in materia di intermediazione finanziaria, aggiornato al 2009, è stato inserito l’art. 18 bis, relativo ai “consulenti finanziari” con il quale, in recepimento della Direttiva Europea 2004/39/CE (MiFID), viene istituzionalizzata la consulenza finanziaria indipendente. Nel 18 bis è prevista l’istituzione dell’Albo dei Consulenti Finanziari che verrà tenuto e vigilato da un Organismo, i cui rappresentanti saranno nominati con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze sentite la Banca d’Italia e la Consob.

ARTICOLO 18bis

Nel mese di maggio 2009, è stato inoltre approvato dal Parlamento italiano anche l’art. 18 ter, che riguarda le società di consulenza finanziaria e prevede che, oltre ai consulenti finanziari persone fisiche, anche le persone giuridiche (Srl ed Spa) possano prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti. Tali società verranno inserite nell’Albo in un’apposita sezione ad esse dedicata.

ARTICOLO 18 Ter

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha regolato con il decreto 206 del dicembre 2008 i requisiti per l’iscrizione all’Albo dei consulenti finanziari persone fisiche. A breve verranno anche comunicati dal Ministero i requisiti relativi alle persone giuridiche.
Di particolare importanza l’art. 5 del decreto (requisito di indipendenza) nel quale, tra l’altro, si prevede che “per la prestazione di consulenza in materia di investimenti gli iscritti all’Albo non possono percepire alcuna forma di beneficio da soggetti diversi dal cliente al quale e’ reso il servizio”.

Decreto 206 24/12/2008

Settembre 2007 : Il Parlamento italiano recepisce la Mifid con il Decreto legislativo n. 164 del 17/9/2007 => art. 19 comma 14 che modifica il TUF inserendo l’art. 18bis (il TUF rimanda poi a Regolamento MEF sui requisiti, pubblicato l’anno seguente).

ART. 18 bis

Febbraio 2007 : Emanata la Legge comunitaria 2007/13, all’art. 10 comma c: le persone fisiche possono svolgere il servizio di consulenza in materia di investimenti anche in Italia (“prevedere che l’esercizio nei confronti del pubblico, a titolo professionale, dei servizi e delle attività di investimento sia riservato alle banche e ai soggetti abilitati costituiti in forma di società per azioni nonché, limitatamente al servizio di consulenza in materia di investimenti, alle persone fisiche in possesso dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali stabiliti con regolamento adottato dal Ministro dell’economia e delle finanze, sentite la Banca d’Italia e la CONSOB”) => viene di fatto recepito l’emendamento Benvenuto.

10 agosto 2006: Approvata la MIFID di secondo livello (direttiva 2006/73/CE) che spiega come applicare la Mifid di primo livello => art.52.

MIFID secondo livello

21 aprile 2004: Approvata la MIFID (direttiva 2004/39/CE) => art. 67.

MIFID primo livello

Aprile 2004 : Approvata la DSI dal Parlamento europeo.

Dicembre 2002: La Commissione europea propone al Parlamento europeo la revisione della DSI introducendo il principio di consulenza finanziaria come servizio principale e quindi riservato ai soggetti autorizzati. In questa occasione Prodi, a capo della Commissione europea, fa riferimento a 7.000 consulenti in materia di investimento attivi in Italia.

estratto-commissione-europea-prodi2002

Novembre 2000: Avvio consultazioni per la revisione della DSI.

1993: Prima Direttiva europea sui Servizi di Investimento (consulenza finanziaria come servizio accessorio).