La Direttiva europea va nella direzione già presa da noi

By 29 giugno 2017 Rassegna Stampa No Comments



Luca Mainò, membro del direttivo NAFOP, interviene su FundsPeople con un articolo sul recepimento di MIFID II, l’operatività del nuovo Albo e la consulenza FEE ONLY

luca_fundspeople

Con il recepimento di MiFID II e l’operatività del nuovo Albo, ex PF e bancari sceglieranno tra una remunerazione a provvigioni, secondo lo schema tradizionale, e l’adozione del modello fee offset, con lo ‘sconto’ delle commissioni dalla parcella. Ma ci sarà anche una terza opzione, una via d’uscita dal mondo della distribuzione: la possibilità di operare staccati da banche o intermediari e puntare su una parcella fissa concordata con il cliente (FEE ONLY). È la strada che hanno deciso di seguire molti professionisti organizzatisi in studi o società di consulenza indipendente.

In genere, la normativa prende atto dell’evoluzione del mercato, registra fenomeni già in corso e cerca di regolamentarli. Alla fine degli anni ’90, quando portammo in Italia la consulenza indipendente, analizzammo i mercati più evoluti e scoprimmo che il fee only aveva intercettato l’interesse di molti investitori, in particolare negli USA. La nuova Direttiva europea va nella direzione già presa da noi, della trasparenza e dell’informazione al cliente, che gode quindi di maggiore tutela.

Circa i vari modelli di business, le reti tradizionali opteranno per la consulenza non indipendente e lasceranno spazio a consulenti e società fee only. Questi ultimi sono gli unici a possedere il requisito dell’indipendenza soggettiva (art. 5 Deer. 206/2008). La tecnologia sarà sempre più importante e consentirà di ottimizzare le fasi a basso valore aggiunto del processo di consulenza. Noi siamo da sempre concentrati sullo sviluppo di nuovi strumenti e servizi per il mondo della consulenza: ad esempio, già da 10 anni è possibile generare in forma automatizzata, inviare ai clienti (profilati) e archiviare raccomandazioni personalizzate in un ambiente MiFID, con report di ‘account aggregation’.

Sul lato della domanda, i clienti più Smart, attenti e informati, potranno risparmiare sui costi e conoscere gli strumenti più efficienti, valutando l’intera offerta disponibile sul mercato supportati dalla consulenza indipendente e dal fintech.